CONTRO EMPOLI UNA GARA IMPORTANTE, MA NON DECISIVA

21.02.2015 15:24

Coach Andrea Niccolai presenta la sfida di domenica al Palameridien contro l'Use Empoli, un delicato scontro salvezza che arriva esattamente a metà del girone di ritorno. All'andata gli empolesi si imposero di 8 lunghezze (78-70), stavolta i biancoblù dovranno cercare di portare a casa il risultato, che in chiave salvezza sarebbe fondamentale.

- Andrea, la partita di domenica sarà decisiva per la salvezza?

"Decisiva non direi perchè mancano otto giornate alla fine del campionato e può succedere ancora di tutto. Per noi sarà piuttosto una gara importante e difficile come tutte quelle che abbiamo affrontato negli ultimi due mesi. Per risalire dall'ultimo posto solitario abbiamo giocato ogni partita come fosse uno spareggio e questo deve essere lo spirito con cui scendere in campo anche domenica".

- La vittoria di sabato nel derby contro Bottegone può aver "imborghesito" la squadra?

"Non credo proprio, noi abbiamo sempre ben presente la situazione in cui ci trovavamo a Natale, con lo spettro della retrocessione che si stava materializzando sempre di più. I ragazzi sono consapevoli che da qui alla fine di questo campionato dobbiamo combattere ogni singolo minuto. La vittoria nel derby è una perla che rimarrà nella storia della società e nel cuore di ognuno di noi ma per adesso la mettiamo in un cassetto".

- Quale giudizio ti sei fatto del nostro prossimo avversario?

"La Computer Gross  è una buonissima squadra e lo ha dimostrato battendo nell'ultimo mese Siena, Piombino e Livorno. Personalmente ho un grande rispetto per la società Use che da anni sta facendo un grandissimo lavoro sia sul piano organizzativo per coinvolgere la città, che su quello tecnico per la costruzione di un settore giovanile importante. Il tutto continuando ad essere competitivi per tanti campionati di vertice in serie B. Ed è proprio per questo che confrontarsi con una realtà così consolidata, regala a questa sfida un significato speciale, la consapevolezza che battendo Empoli manderemmo un segnale importante a tutto l'ambiente oltre ad aggiungere un'altra perla preziosa alla nostra stagione".

- Tatticamente, sarà più determinante la lotta sottocanestro o i duelli tra esterni?

"Per noi sarà importante l'equilibrio tra il gioco interno e le iniziative degli esterni, ma sopratutto la solidità mentale nell'affrontare una squadra esperta, ruvida e dura ai limiti della provocazione. Hanno diversi giocatori con il talento per determinare la partita, sia tra i piccoli che tra i lunghi quindi non potremo prescindere da una difesa attentissima per limitare il loro potenziale offensivo e non concedere loro le situazioni dove sono più pericolosi".

—————

Indietro