IN PELLEGRINAGGIO AL PALAESTRA

28.01.2015 18:24

Dopo il turno di riposo osservato domenica scorsa, la squadra biancoblù si rimette in marcia e affronta domenica prossima la trasferta più difficile ma anche più suggestiva della stagione: al Palaestra di Siena, contro la Gecom Mens Sana. Il palazzetto che negli ultimi dieci anni ha visto più trofei di tutti passare sotto le proprie volte, tra scudetti, Coppe Italia e Supercoppe varie. Il palazzetto dove il canto della Verbena rimbomba come se lo cantassero anche i muri e i seggiolini, dove la Mens Sana (come si legge nello striscione che campeggia in curva) è una fede. Che sia la Mens Sana di Minucci o quella attuale che prova a risorgere dalle ceneri.
Noi, la piccola società di Monsummano, domenica saremo li. Saremo in tanti, perchè tanti tifosi vogliono accompagnarci in questa gita verso il Tempio della pallacanestro italiana, senza scomodare altri palazzetti altrettanto illustri come il Paladozza, il Palaeur, il Forum di Assago e qualcun altro. Al palazzetto di viale Sclavo ci attenderà una Mens Sana che in casa non vuole perdere punti, e che non sta dominando il campionato com'era lecito attendersi. Livorno, Cecina e Varese la tallonano da vicino e coach Mecacci chiederà ai suoi una prestazione di spessore. Perchè è altrettanto chiaro che, dopo la grande paura presa all'andata, la Mens Sana ci affronterà con rispetto, sapendo di trovarsi contro una squadra motivatissima a fare bella figura e che ha messo nel motore un calibro 9 come Valerio Circosta. E siamo certi di un'altra cosa: quella di domenica sarà una bella giornata di sport, così com'è stata quella del 26 ottobre scorso al Palaterme. Quelle giornate di sport che ci fanno crescere e ambientare sempre di più nel basket semiprofessionistico. E allora domenica seguiteci a Siena: sarà una di quelle giornate dove poter dire "io c'ero".

—————

Indietro