IL GRANDE CUORE BIANCOBLU' SUPERA PIOMBINO (75-72)

16.03.2015 19:40

Una serata così emozionante, con un tale contrasto di sentimenti e di palpitazioni, non poteva avere un finale diverso. Nel ricordo di Gianluca Cardelli, il figlio del presidente biancoblù scomparso lunedi scorso, la sua squadra ha dedicato alla famiglia una vittoria importante (75-72), che in ottica salvezza ci consente di compiere un passo probabilmente decisivo. Il Golfo Piombino è stato degno avversario per tutti i 40 minuti, ha tenuto in mano la gara per gran parte del primo tempo ma poi ha ceduto il passo alle maggiori motivazioni dei padroni di casa, autori negli ultimi 5 minuti delle giocate vincenti. L’inizio di gara è tutto di marca ospite, anche perché i nostri ragazzi sono ancora choccati dopo uno struggente minuto di raccoglimento. Guerrieri e Marmugi saltano i raddoppi avversari con facilità e gli alti ritmi della squadra di Padovano sono un ostacolo insormontabile per una Meridien lenta e prevedibile, bloccata dal punto di vista psicologico. Alla prima sirena i 12 punti di vantaggio di Piombino sono meritati, ma al ritorno in campo i biancoblù mostrano un'altra faccia. La scossa la dà Matteo Botteghi, che si fa trovare pronto sulle imbeccate di Circosta e che segna 6 punti di fila di importanza capitale, evitando la fuga di un Golfo che trova un Pozzi ispiratissimo. Gli ospiti a 3' dalla sirena hanno ancora 11 punti di vantaggio (23-34), ma Scarone, Botteghi e Zani firmano il 9-0 con cui entriamo definitivamente nel match, e che ci consente di andare all'intervallo con un margine ampiamente recuperabile (34-37).

Nella ripresa coach Niccolai registra attacco e difesa ma il Golfo è ancora bene in partita, grazie ad un buon Marmugi e alle iniziative di Maggio e Pozzi. Dopo 7' di gioco nel terzo quarto Piombino è avanti di 8 (48-56) ma qui arriva la prima svolta: Marmugi subisce un secondo fallo tecnico e deve lasciare il campo, Scarone e Zani (con un gioco da tre punti) firmano il 5-0 che rianimano squadra e tifosi. Il volume del Palameridien sale di tono ed anche quello del coach ospite Padovano, che si becca un tecnico e consente ai biancoblù di limare lo svantaggio (55-56 alla terza sirena). E’ il momento quindi di German Scarone, che disegna negli ultimi 4 minuti 11 punti tra liberi e magie che preparano ad un rush finale al cardiopalmo. Il Palameridien è ormai una bolgia, si gioca sul filo dei nervi e dell’emozione, Zani prova a mettere la partita nelle mani biancoblù ma Piombino risponde con un 7-0 (59-63 a 5’ dalla fine). Il break ospite è spezzato da una tripla di Scarone che ispira ancora una volta la nostra reazione Meridien, un parziale di 13-1 che vede protagonisti anche Verri, Zani e Circosta con uno dei suoi rari lampi. La partita sembra chiusa a chiave, il +8 è sancito da una schiacciata in contropiede di Verri (72-64). Mancano due minuti e tutti pensiamo di avercela fatta, ma non abbiamo fatto i conti con Maggio, Iardella  e Biancani che riaprono i giochi a 37” dalla fine con un 9-1 che gela il Palameridien. Nella rimessa che vale la partita Scarone riceve palla e subisce fallo, segna un prezioso 2/2 che fissa il punteggio sul 75-72. Le triple per il pareggio di Biancani e Iardella non vanno a segno, non potevamo subire una beffa in una serata così.

—————

Indietro