UN PESSIMO INIZIO CONDANNA LA MERIDIEN A EMPOLI : 78-70

11.11.2014 12:35

L’Use trova la vittoria che cercava con tutte le sue forze contro una Meridien spenta nella prima parte di gara e che solo nel terzo quarto trova le sue trame di gioco. Troppo poco per vincere lo scontro salvezza del Palalazzeri, Empoli ottiene una vittoria pesante (78-70) e aggancia in classifica i biancoblù. Inizio roboante di Empoli, che vola sul 14-2 dopo 5’ grazie a due triple di Cappa ed un attivo Nobile in area. Coach Fantozzi prova subito a mischiare le carte e dalla panchina esce un buon Verdiani, che segna 6 punti che sembrano rivitalizzare i compagni, dopo un inizio da 3/12 al tiro e 6 perse. Ghizzani segna da tre e la Meridien si fa prendere dalla fretta, ed è ancora Verdiani ad impedire la fuga dei padroni di casa. Fantozzi abbassa il quintetto col doppio play e prova la zona, ma i risultati non sono quelli sperati. Empoli al 17’ tocca il +15 (37-22) con l’energia di Mariotti e soprattutto di Pierangeli, autore di 11 punti nel quarto che spaccano in due il match. Empoli chiude il primo tempo in meritato vantaggio in virtù di una migliore percentuale di tiro (6/13 da tre per l’Use, 12/39 dal campo per Monsummano) e di una determinazione maggiore rispetto ai biancoblù, sicuramente autori di un primo tempo in tono minore, eccetto un ottimo Verdiani (14 punti nel primo tempo con 6/7 al tiro e 5 rimbalzi). Alla ripresa del gioco Empoli non cala e arriva a +18 (51-33) ma la Meridien prova a rimettersi in partita con la tripla di Tommei e un jump di Tempestini, producendo un 9-0 importa te (51-42). Antisportivo a Sesoldi, vannini -6, ma la Meridien spreca tantissimo dalla lunetta (1/4) e non va oltre il -5 (51-46) tornando comunque mentalmente in partita. La brutta notizia è che Verdiani deve uscire per infortunio e le rotazioni per coach Fantozzi diventano davvero minime. Empoli riesce comunque a entrare nell’ultimo quarto con 8 punti di vantaggio. La Meridien sembra accusare lo sforzo e non si avvicina, Empoli torna in doppia cifra con la tripla di Mariotti (59-48 al 33’) e in pratica non rischia quasi più nulla. La tripla di Ghizzani a 1’30” dalla fine mette la parola fine al match

—————

Indietro