LA SALA STAMPA

26.10.2014 22:50

Alessandro Fantozzi: "Sono amareggiato, è una partita che grida vendetta, dovevamo vincerla per come si era messa. E' la seconda partita che perdiamo così. Abbiamo avuto poca cattiveria dentro l'area e abbiamo sbagliato troppi tiri facili, e contro squadre come queste non te lo puoi permettere. Ripeto, con un po' più di cattiveria questa partita l'avremmo vinta e meritatamente. Buttiamo via altri due punti ed adesso la situazione inizia a farsi seria, nel senso che poi ci prende la paura di vincere e non ne usciamo più. Sono orgoglioso dei miei ragazzi ma dobbiamo sbagliare meno, dobbiamo essere più attenti in certe situazioni. Abbiamo prodotto più di Siena, abbiamo fatto più tiri, preso più rimbalzi ma il risultato non ci premia. A volte preferirei giocare peggio e vincere".

Matteo Mecacci (coach Mens Sana) : "E' stata dura, venivamo da una settimana difficile e in campo si è visto. E' stata una gara a strappi, Monsummano credo sia la prima squadra che ci batte a rimbalzo. Quando non riusciamo a esprimere il nostro basket sono dolori, Monsummano ci ha messo in difficoltà, in queste categorie devi giocare sempre bene per vincere. Bravi a non mollare ed a crederci fino alla fine. Monsummano è la squadra che ci ha messo più in difficoltà finora ma siamo riusciti a risolvere una situazione intricata".

Marco Zani : "Peccato, davvero peccato. Avremmo voluto regalare al nostro meraviglioso pubblico una vittoria, e sarebbe stata una vittoria storica, ma siamo stati ancora sfortunati. Ho preso un buon tiro, l'ho visto dentro, ma gli dei del basket adesso non ci amano. Rimbocchiamoci le maniche e continuiamo a lavorare, girerà bene anche per noi".

Luca Pignatti : "Complimenti a Monsummano, squadra tosta, energica, ci ha fatto soffrire. Ho ancora in mente il tap-in all'ultimo secondo, il mio avversario mi è saltato in testa e tra un po' segna. Monsummano avrebbe meritato di vincere, ci ha impedito di entrare in ritmo, non siamo riusciti a esprimere le nostre percentuali abituali. Questa vittoria non vale due punti, ma sei".

—————

Indietro