LE PAGELLE

26.10.2014 22:55

PAGELLE MERIDIEN

Zani 7 - Quella tripla centrale ha acceso il libro dei ricordi. Sembrava ancora una volta quella giusta, ma stavolta il ferro ha detto no. Gli va dato atto che si è preso ancora una volta la responsabilità dell'ultimo tiro. Gioca un match di grande impatto, di sostanza, sia in attacco che in difesa.

Tempestini 6,5 - Nel contesto di una gara con pochi squilli in attacco si da parecchio da fare nella metà campo difensiva. Non è una partita facile per lui, ha un compito arduo contro Panzini e Parente ma ci mette cuore e orgoglio.

Verdiani 6,5 – Le cifre non lo premiano ma prende 6 rimbalzi e di mostra reattivo e tonico sui due lati del campo. In difesa non ha paura contro avversari più grandi e grossi di lui, per poco non entra nella storia con il tap in sul tiro finale di Zani: ci ha messo la manina, ma non è bastato.

Verri 6 – Non sta bene, lo ripetiamo. Si allena a singhiozzo ed è stato messo in piedi per giocare. Si vede che soffre e che non riesce a fare quel che vorrebbe. Mancano i suoi punti, manca la sua partecipazione al gioco. Le rotazioni difensive peccano di timing ed esce ancora una volta per falli.

Botteghi 6 – Matteo ha 20 anni e Chiacig il doppio, ma sul volto non c'è paura. Difende e sgomita, però sul giudizio finale non può non pesare quel pallone perso a 20” dalla fine, un improbabile uno contro uno proprio contro Chiacig che la sa ben più lunga di lui. Non aveva demeritato, fino a quel momento.

Martini 6 – Mezzo voto in meno perché uno come lui non può tirare i liberi col 40% (2/5, 41% in stagione). I due errori dalla lunetta a 1’50” dalla fine si sono rivelati decisivi. La prestazione fino a quel momento è stata corposa, costringendo Vico alla scena muta e ad inseguirlo per tutto il campo.

Tommei 6 – Altro passo verso la migliore condizione ma paga dazio fisicamente contro avversari grandi e grossi. Ci prova ma il tiro non va, ed anche in regia non offre una prestazione in linea con le sue potenzialità. Si sbatte parecchio in difesa, ma deve crescere, eccome.

Vannini 6,5 – Inizia alla grande e impone la sua chioma bionda su Chiacig e compagnia. Tonico e determinato sta troppo forse in panchina, infatti si intristisce e non punge più. 

Coach Fantozzi 7 : indovina tutto, costringe Siena ad inseguire e a giocare una partita difficile. Forse ha solo la colpa di utilizzare poco Vannini, forse poteva anche provare qualche minuto Ambrosino, ma nel complesso vince la partita delle panchine.

 

 

PAGELLE SIENA

Panzini 6 – Prova a dare ordine alla manovra, talvolta ci riesce e talvolta no. In difesa tocca tanti palloni, bravo sui raddoppi

Parente 6 – Un’altra tappa verso il pieno recupero di un giocatore che in queste categorie fa la differenza. Fa alcune cose buone ed altre meno, però nel finale sta a sedere.

Pignatti 7 – Devastante in attacco ed in difesa. Chiude con 16 punti e 6 rimbalzi, ma gioca con l’energia di un veterano e la voglia di vincere di un ragazzino.

Ranuzzi 6 – Ha il merito di segnare i liberi della vittoria, ma da tre è un pianto (0/5) e rimedia con i rimbalzi (9). Soffre da matti l’organizzazione difensiva della Meridien

Chiacig 6,5  – Il più tutelato dai grigi, tanto che tira da solo tanti liberi quanto tutta la Meridien (11/14). Segna 13 punti con 1/5 dal campo, la difesa di Monsummano fa un lavoro splendido ma il suo “peso” alla fine fa la differenza.

Vico 5 – Fuori partita dall’inizio, martellato dalla difesa avversaria e incapace di trovare un varco vincente. Tiene tanto la palla e non conclude, in difesa soffre parecchio, tanto da uscire per 5 falli.

Paci 5,5 – Sta in campo solo per fare il cambio a Chiacig, ma non vede mai il canestro e si limita a fare lo stopper in difesa, raddoppiando sugli esterni.

Ondo Mengue 5,5 – Presenza impalpabile, anche perché gioca in fasi della partita in cui Siena sembra soffrire. Tatticamente difficile da inquadrare. 

Coach Mecacci 6 : non si aspettava certo di soffrire così, frulla quintetti a caccia di quello migliore ma deve ringraziare Pignatti e Chiacig se esce con i due punti, tirando il doppio dei liberi degli avversari......

—————

Indietro