SABATO MISSIONE IMPOSSIBILE A FORLI'

09.11.2015 19:37

L'ottava giornata di campionato ci offre la trasferta sul campo dell'Unieuro Forlì, probabilmente la squadra che vuol prendere il posto della Mens Sana 2014 come grande protagonista, e futura promossa in serie A2. E il roster faraonico allestito dalla società non può porre dubbi su chi sia la grande favorita di questo girone, che attualmente occupa il secondo posto in classifica assieme a Santarcangelo, a due punti di distanza dalla imbattuta Cecina, l'unica squadra che peraltro finora è riuscita a battere la corazzata di Garelli, e anche piuttosto nettamente (77-60). Poi sono arrivate solo vittorie, con Torino, Piacenza (a tavolino), Bottegone, Oleggio e a Cento, l'ultima vittoria in ordine temporale, la vittoria che sembra aver dato la scossa al gruppo forlivese e che è costata la panchina al coach della Tramec, Albanesi. Il roster della Unieuro ricorda molto quello di Siena, se non altro per la presenza di due capisaldi della promozione senese del giugno scorso come Luca Pignatti e Sebastian Vico, ai quali sono stati affiancati autentici fuoriquota per la categoria come Pederzini e Rotondo, ai quali proprio sabato si unirà dopo un lungo infortunio Rodolfo Rombaldoni, uno che in serie A ci ha giocato davvero. Guardando tutti questi nomi, le ambizioni, i pronostici della vigilia espressi sui siti forlivesi e il budget, probabilmente andremo nel mitico Palafiera solo per ascoltare gli scroscianti applausi che riceverà Andrea Niccolai, uno che a Forlì ha lasciato il segno, e per ammirare un palasport che ha scritto la storia del basket, se non altro perchè è stato per diversi anni teatro delle finali di Coppa Italia. Ma il basket non è una scienza esatta e i ragazzi di coach Niccolai, ne siamo certi, ce la metteranno tutta per fare una degna figura, come è sempre successo in queste sette partite. Se poi questa partita sarà un allenamento per Forlì, lo dirà solo il campo. Ma noi non ci scommetteremmo.

—————

Indietro