QUINTO SIGILLO CONSECUTIVO: ABBATTUTA ANCHE EMPOLI (74-63)

18.03.2014 17:02

Sotto lo sguardo del nuovo acquisto Valerio Circosta, presente in tribuna accanto al presidente Cardelli, la Meridien infila la quinta vittoria consecutiva ai danni di un combattivo Empoli, pronto a giocarsi la partita fino alla fine, e consolida il suo quarto posto in classifica che, alla luce della penalizzazione di Osimo, la tiene in corsa anche per il terzo posto. E' stato un match spigoloso, come si poteva prevedere, ma sostanzialmente sempre in mano ai biancoblù, che hanno offerto la classica prestazione dai pochi fronzoli, solida, mostrando di aver raggiunto una importante solidità mentale. La fotografia di questa solidità arriva alla metà del terzo quarto, dopo un break di 2-14 degli empolesi che dal 48-35 dell'intervallo arrivano a -1 (50-49), Monsummano reagisce con un 7-0 firmato Barontini e Zani, ovvero respinge l'assalto avversario non decisione e non si perde in un bicchier d'acqua. La Meridien è una squadra che adesso ha delle certezze tattiche e regole ben chiare, e coach Tommei è riuscito nell'opera di fare seguire alla squadra una sola direzione. Zani e Tempestini hanno preso per mano la squadra in attacco segnando con buone percentuali, Ambrosino ha cementato la difesa, Verdiani ha confermato la proverbiale solidità. Nell'arco della partita tutta la squadra ha mandato segnali incoraggianti, e la quinta vittoria di fila è il bilancio più positivo dall'inizio del campionato, la striscia vincente più lunga. E senza quel fischio assassino dell'ineffabile arbitro Mattioli a Pesaro, un abbaglio che ci è costato la partita, potevamo pensare davvero anche al secondo posto......  

La cronaca del match vede all’inizio la Meridien fare fatica, la pausa sembra aver arrugginito i meccanismi biancoblù ed Empoli ne approfitta per giocare un buon primo quarto. Nel secondo coach Tommei aggiusta la difesa e la Meridien ribalta la situazione con un 13-2 guidato da Zani e Tempestini, mentre la difesa costringe gli empolesi a segnare col contagocce o con forzature da lontano. All’intervallo il vantaggio di Monsummano è importante (48-35) e sembra preludere ad una serata tranquilla, ma la squadra di Mosi ha carattere e inizia il terzo quarto all’arma bianca. Tre triple di Forti ed una di Baroncelli riaprono completamente la gara (50-49). La Meridien, nella serata in cui Mario Boni non brilla anche perché tartassato dagli arbitri, trova ancora in Zani e Tempestini il colpo di reni per reagire, e nel break di 13-4 che rimette tutto a posto c’è anche una tripla di Barontini. Al 30’ Monsummano ha otto punti di vantaggio e nell’ultimo quarto li mantiene con una certa facilità, trovando conclusioni efficaci anche con Verdiani e cementando la difesa con un ottimo Ambrosino, che chiude su tutte le penetrazioni e gioca 14’ di assoluta incisività.

—————

Indietro