UNA BELLA MERIDIEN CEDE IL PASSO AL BOTTEGONE (86-83)

24.03.2014 12:18

Raramente si è contenti anche quando si perde. Ma la prestazione offerta sabato sera dalla Meridien in un Palacarrara bello pieno è stata corposa, solida, convincente. Solo grazie ad una prodezza di Bongi il Bottegone è riuscito a portare a casa la vittoria, l'ultimo tiro di Tempestini si è spento sul ferro e i padroni di casa hanno potuto festeggiare una vittoria che ha il sapore della promozione, dato che adesso ai pistoiesi manca una sola vittoria per centrare l'obiettivo. Ma i ragazzi di Stefano Tommei hanno tenuto testa alla capolista per tutti i 40 minuti, rispondendo colpo su colpo ai canestri di Giannini, Visigalli e Rossi, mostrando un Vannini dominante sotto i tabelloni (ma ancora una volta poco concreto) e stropicciandosi gli occhi per il debutto super di Circosta, uno che farà molto, ma molto comodo nei playoff con la sua intraprendenza e la pericolosità da fuori. Dire che mancava Mario Boni sarebbe come togliere i meriti a chi è sceso in campo, ma l'assenza di Supermario conferisce ancora più valore alla prestazione della squadra. Il suo "sostituto", Remo Ambrosino, ha giocato una gara egregia confermandosi il miglior undicesimo uomo del campionato. E ad onor del vero, non possiamo non recriminare su un arbitraggio che ci ha penalizzato non poco, soprattutto quello di Orlandini, che ha iniziato il suo show con una velocissima espulsione di coach Tommei dopo 12 minuti proseguendo l'esibizione con fischi più o meno sempre contrari, che non trovavano riscontro dall'altra parte sulla stessa azione. Una serie di piccoli danneggiamenti che sommati insieme, in una gara decisa da episodi, hanno influito e parecchio. Chi scrive non ha mai accampato scuse per una sconfitta parlando dell'arbitraggio, ma la direzione di gara di Orlandini è stata parecchio incisiva in negativo. Peccato perchè è stata una partita che non aveva bisogno di altri protagonisti se non i giocatori scesi in campo, che hanno dato vita ad un match godibilissimo. Un altro rammarico nasce dalla incapacità di portare a casa la partita trovandosi in vantaggio di 6 punti a 4' dalla fine, non siamo riusciti a gestire il vantaggio anche con molta sfortuna, come il canestro di Della Rosa da tre punti allo scadere dei 24". La prestazione alla fine fa capire che la squadra è pronta ad affrontare partite importanti, e da ora in poi lo sono tutte.

LA CRONACA - Partita dai ritmi alti sin dall'inizio, Bottegone punta sui giochi a due tra piccoli e lunghi e ne ricava un primo tempo solido di Rossi e soprattutto Visigalli, autore di 12 punti nella prima frazione e rebus irrisolto per la difesa termale. La Meridien però non sta a guardare, il nuovo arrivo Circosta si presenta subito con una tripla e sono Tempestini e Vannini i più attivi in attacco, con il lungo ex Empoli che sale presto in doppia cifra pur sbagliando qualcosa di troppo da sotto (6/13 dopo 20'). Nel secondo quarto Bottegone sale anche a +7 sfruttando la verve di un positivo Giannini, mentre Monsummano perde dopo 2 minuti del secondo quarto coach Tommei, espulso un po' troppo frettolosamente dall'arbitro Orlandini. La squadra biancoblù però si ricompone presto e tiene testa ai padroni di casa, Verdiani e Tempestini tengono viva la squadra ospite che all'intervallo chiude a vista (44-40). Nella ripresa la gara si mantiene viva, Rossi da una parte e Vannini dall'altra si rendono protagonisti e al 30' è tutto in bilico (67-65). L'ultimo quarto è rovente, la Meridien apre la scatola da tre punti e con i missili di Ambrosino e Circista si porta in vantaggio di 6 punti a 4' dalla fine (71-77), ma Bottegone è brava a reagire con la verve di Della Rosa ed un canestro prezioso di Staino. Monsummano spera con i liberi di Circosta, ma è Bongi con una tripla frontale a 14" dalla fine a siglare il canestro della vittoria.

—————

Indietro